Home Meteo d'altri tempi
Stampa E-mail



Meteo d'altri tempi

(Rita Cristina Manfro)

Dall’antichità, l’uomo è affascinato dai fenomeni meteorologici, attribuiti alle divinità irate o capricciose, che cercava di mitigare con sacrifici e offerte. Fino al Medioevo le previsioni si elaboravano osservando i pianeti e le stelle, con istruzioni utili per eserciti, marinai e agricoltori. Dal Rinascimento, grazie a grandi viaggi in nave e a studiosi come Leonardo, Galilei, Torricelli la meteorologia si sviluppa in maniera più scientifica. La sconfitta di alcune grandi battaglie poi, a causa dei fenomeni atmosferici avversi, ha spinto la ricerca alla creazione dei primi servizi di previsione meteorologica. Solo nel ‘900 grazie a nuovi strumenti e a nuove scoperte scientifiche si riusciranno ad elaborare previsioni meteo, con discreto margine di attendibilità.
Ma come venivano percepite le manifestazioni del tempo dalle genti di montagna? L’obiettivo della ricerca è stato quello di testimoniare come i montanari cercassero di fare le previsioni del tempo, osservando attentamente i segnali che la natura ancora oggi fornisce.

 

Prefazione di: Andrea Giuliacci

 

Foto di: Alessandra Simiand e Stefano Vachet

 

ISB3-978-88-97613-886

Meteo d'altri tempi

Prezzo di copertina €20,00

 

Italy only, for other countries contact:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
Copyright © 2019 Atene del Canavese. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.